Nove

Che questo blog – assieme a migliaia di altri, se è solo per questo – sia avviato ormai da un bel pezzo lungo la triste via dell’autoestinzione, credo che ce ne siamo accorti tutti. I blog, come i forum prima di loro e prima ancora le BBS, sono vittima di un processo evolutivo nella storia della comunicazione che non fa sconti – ma un mucchio di vittime, portando l’attenzione (sempre più frammentata) su altre strade, altri canali, altre piattaforme: il solito Facebook, Twitter, Snapchat o Instagram.
Piattaforme che, da quando sono nate, hanno avuto pure loro mutamenti ed evoluzioni, e alcune sono già in odore di declino.
Insomma, i tempi cambiano, e noi con loro, e anche io, che una volta investivo ore per mantenere aggiornato il blog con contenuti di qualità, oggi non ne sarei più in grado: sarei semplicemente fuori tempo massimo… e il nostro tempo è stato risucchiato via da questo e da quello.
E se l’idea era quella di far sentire la propria voce, ci sono posti molto più affollati dove salire in piedi sulla propria cassetta di frutta virtuale e iniziare a parlare. Qui, non c’è più nessuno.
O quasi.
Oggi, sono tornato qui a cercare delle vecchie robe, e ho notato il contatore degli accessi: segnava nove visite.
Nove.
Dall’ultimo aggiornamento, nove persone sono venute qui a dare un’occhiata. Magari a leggere vecchi post, magari per vedere se per puro caso Xamwood – un nickname che uso sempre meno, ormai – aveva postato qualcosa di nuovo, magari sono arrivate qui tirate dentro da una keyword recuperata da una ricerca Google.
Non so perché siete passati di qui, amici, ma grazie.
Siete gli ultimi degli oltre cento (cento!) visitatori giornalieri che, ai tempi d’oro, popolavano con regolarità questo blog, lo rendevano una cosa viva, con un senso. Oggi non è più così, e mi spiace.
È una parte di me che è stata relegata lentamente in soffitta, ma scommetto che anche voi, nel frattempo, siete cambiati.
Nove di voi, però, sono ancora qui… o forse siete visitatori completamente nuovi, o tra i pochi che ancora non si sono piegati a Facebook, non lo so e non voglio neanche saperlo.
Se vi va, restate pure. La porta è aperta, per voi.
L’archivio è ancora qui.
Se commentate, cercherò di rispondere (ma già era difficile ai bei tempi ammucchiare commenti).
E ogni tanto pubblico qualche nuovo articolo.
Ma se vi interessa ancora quello che faccio, penso, scrivo, e vorreste aggiornamenti più frequenti, rimarrete delusi, perché non sono un amante nemmeno di Facebook. Sono un tizio snob, ma non così snob da fare finta che i social network non esistano e non abbiano un ruolo importantissimo nelle nostre vite.
Certo, potremmo farne a meno… come potremmo fare a meno di uno smartphone, di una casella email, di una carta di credito, eccetera eccetera. Si può fare, ma è una faticaccia.
Io mi sono arreso già qualche anno fa… ma ogni tanto, rientro qui, apro le tapparelle, e faccio prendere un po’ d’aria. E ripenso agli anni duemila, anzi, gli anni Dieci, che qua tra un po’ entreremo nei nuovi anni Venti.
Che chissà cosa ci riservano.

Thus spoke Cyberluke

Come un canto di speranza

Credo che ciò che chiamiamo realtà sia una sorta di sogno solido, coerente, continuo, passeggero e fragile, legato allo spazio e al tempo. Come la scena di un teatro di cui siamo gli attori, in cui entriamo nascendo e da cui usciamo morendo. Credo che il tempo, mischiato allo spazio, sia una bolla di cui siamo prigionieri. Una parentesi nell’eternità.

Credo che la morte sia lo scopo e il culmine di una vita di cui essa segna il ritorno all’eternità primitiva. Credo che la morte sia una vittoria travestita da disfatta e la soglia da varcare per entrare in una giustizia e in una verità di cui quaggiù inseguiamo soltanto le ombre.

Finché vivrò, mi ricorderò di te. Ma quando saranno scomparsi tutti coloro che abbiamo conosciuto, chi si ricorderà di noi?

Nessuno? Impossibile. Nel tempo, tutto si cancella, tutto si dimentica, tutto scompare. Ma il passato non è mai morto, non è nemmeno passato perché la luce lo raccoglie e lo trasporta. A distanze infinite, è un passato infinito quello che ci viene restituito ancora vivo. Il futuro, per Omero, era sulle ginocchia di Dio. Nell’eternità niente di ciò che è stato potrà mai più essere. Credo che eterno e infinito Dio sia, tra l’altro, come la memoria di questo mondo che ha fatto uscire, nel tempo di un lampo, da ciò che, a torto, chiamiamo il niente. Quando gli uomini saranno scomparsi, Dio sarà il solo a potersi ricordare ancora di loro. E di noi.

Ciò che volevo dirti, fin dall’inizio di queste righe che sono scritte per te, è che un giorno saremo insieme, uniti per sempre l’una all’altro, fuori da questo tempo mortale, nel ricordo e nella luce di Dio.

La mia malattia

Le mie dita sanguinano parole
che le mie labbra non possono pronunciare.
Quando provano a uscire
mi sento male e non posso continuare.

Potrebbe non essere contagioso,
ma è una malattia.
Tenersi tutto dentro
diventa difficile anche respirare.

Le bugie arrivano così facilmente
per coprire la verità.
È come una seconda natura
cresciuta dalla mia giovinezza.

È più profonda della convinzione
più seria di un pensiero.

È la mia strada
È la mia vita
È la mia malattia

Mi dispiace

Mi dispiace per le cose che ho fatto,
scusa per le cose che dico.
Scusa se ti ho parlato,
scusa se sono così.

Mi dispiace di essermi fidato di te
e mi dispiace che ti abbia mentito.
Scusa se ti ho deriso
scusa se ho pianto.

Mi dispiace di averti odiato
Mi dispiace anche di averti amato
Mi dispiace che tu mi abbia spezzato il cuore
e che ti appartiene ancora…

Guarda più vicino

Fermati e guarda più vicino.
Vedrai una persona dietro questo viso
un cuore che batte dentro questo petto
un fuoco che brucia per l’amore
Vedrai qualcosa di vivo.

Fermati e guarda più vicino.
Non sono un numero, non sono un nome
Sono me stesso, proprio come te
Raro, speciale, unico nel suo genere.
Ti prego, non passare oltre…

Fermati e guarda più vicino.
Vorrei conoscerti, e anche tu lo vuoi
Vorrei vedere oltre la tua superficie
odio questo incastro di specchi
perché vorrei toccare la tua anima.
ma non ignorarmi…

Fermati e guarda più vicino.
Per un momento, solo un minuto,
Dammi una possibilità
Vorrei mostrarti questo fuoco ch’entro mi arde
e condividere ogni istante con te…

Fermati e guarda più vicino!
Come ti volti per andartene
il mio cuore si inaridisce.
Se volessi darmi una possibilità…
Ti prego, non lasciarmi.

Fermati. Guardami.
Perché te ne vai sempre?
Perché non mi vedi quando io ti guardo?
Non me ne andrei mai se tu solo
tornassi da me…

Fermati. Guardami.
Morirò se continui a incrociarmi senza uno sguardo
se non diventerò mai un ricordo.
Sono prezioso, non dimenticarlo.
Ti amo … non lasciarmi solo…

 

Vivere più intensamente

Una cosa a cui penso spesso anche io, ho sempre il dubbio di non aver vissuto abbastanza, di non aver studiato, amato, cazzeggiato, fatto abbastanza.

Ci penso davvero spesso. Poi però mi convinco di una cosa, forse avrei potuto fare di più ma evidentemente in quel momento non era la cosa che mi andava di fare, forse ho fatto poco/troppo perché in quel momento era giusto così… a ripensarci può insorgere rimpianto per ciò che non è stato ma alla fine l’esperienza è una difficile maestra: ti spiega la lezione solo dopo averti fatto l’esame, una bella fregatura.

Poi c’è da dire anche che non si è mai all’altezza delle proprie aspettative, specie se queste sono a posteriori.

Forse la vita alla fine è più banale di quanto ci si aspetti o ci si auguri, o, forse, siamo noi a non essere così interessanti ed originali come ci siamo sempre creduti…

Comunque continuo a non capire in cosa io sia diverso, fuori dagli schemi… non afferro il punto anche perché penso di essere una persona molto razionale, piuttosto facile da imbrigliare in un disperato pattern… ma mi fa piacere che qualcuno colga un tale aspetto anche qualora non esistesse nella realtà delle cose.

Non lo so, in questo momento ti offrirei volentieri un montenegro in un bar dei navigli, sotto la pioggia che semplifica le architetture e non bagna i cuori, scommetto che rimarremmo in silenzio per una buona mezzora e poi torneremmo a casa più tristi ed intossicati di prima. Magari in taxi ti guarderei guardare (ancora la retorica) il cielo di Milano che rende tutto così uniforme, così reale, che riflette le fabbriche di mattonelle delle periferie ed i metalmeccanici che smontano alle sei di mattina quando aprono i bar vicini alle stazioni dei tram. Va bene, la smetto, sto divagando. Ma ti amo.

farò rifare l’asfalto per quando tornerai

Le regole dell’amore

Intorno a me ruotano volti familiari
luoghi logori insieme a sguardi logori

Mi sveglio e non ricordo bene
mi alzo e fisso il mio volto
come tutti i giorni
fisso questo volto indistinto

incompreso, senza meta apparente

Le lacrime scendono dallo specchio
senza espressione
non ho alcuna espressione

E nascondo il volto
voglio affogare il dolore
perché non c’è alcun domani

Non ho domani

E trovo davvero buffo
e anche molto triste
che i sogni in cui mi perdo
sono i sogni andati
quelli di una vita passata

Ma è impossibile parlarti
impossibile trovarti
E trovo impossibile sopportare
di averti perduta

in questo mondo assurdo…

Ho vagato per le strade
la gente mi fissava
nessuno mi conosceva
nessuno mi parlava

Dove ti sei nascosta?
Mi guardi attraverso
mi parli attraverso
sono un canone inverso

E trovo davvero triste
che i sogni in cui muoio
sono i sogni più belli
che abbia mai fatto

Come posso parlarti?
dove posso trovarti?
Sei perduta per sempre
in questo mondo assurdo

ma se rompessi le tue catene…

esci da questo mondo assurdo
che si espande e muore
nel tuo mondo assurdo…