Lettera ad un amore mai nato

Avrei potuto. E’ così.
Avrei potuto trovarti, se avessi voluto.
E allora?

Allora è arrivato il momento della verità.

Queste mie ultime parole devono ispirarsi solo alla verità.
Quante volte invece capita, anche in buona fede, di mistificarla questa realtà?
Quante volte vorremmo piegare questa realtà ai nostri voleri, ai nostri desideri?

Ti sei mai domandata perché, in tutto questo tempo, io non sia mai venuto a cercarti?
Perché, nonostante tutte queste e-mails, nonostante questo blog, io non abbia mai trovato il modo, neppure per un attimo, di poter divenire appena un poco più reale?
In fondo, lo sai benissimo anche tu che non era poi così complicato trovarti.
Fosse pure per un breve incontro, un drink insieme, un attimo alla fine trascurabile.
Allora?

La verità.

La verità è che non ho potuto.
Dio solo sa quanto lo volessi, ma non ho potuto. Non potevo prima e probabilmente non potrei neanche ora.
Le mie parole, quelle sono sempre state vere, anche le mie emozioni sono vere, ma è la mia vita ad essere una maschera, e io ho paura di farla cadere.
Mio Dio, non posso.
Quante volte ho pensato di parlarti, quante volte ho desiderato guardarti negli occhi.
Quante volte ho sentito un’affinità che va oltre la mia comprensione della vita.
Non ho mai pensato che dovesse nascere qualcosa tra noi.
Non è questo, il punto.

Il punto è che ti ho pensato per troppo tempo e sono arrivato ad un bivio nella mia vita.
Da una parte c’è la comprensibile menzogna.
Dall’altra, l’incomprensibile verità.

Abrielle
Sappi solo che anche io, come te, ti ho cullata nel mio cuore come qualcosa di molto prezioso.
Anch’io mi sono cullato con le tue parole. Anche io ti ho letto con passione. E mi sono innamorato.
Solo che un giorno apri gli occhi e ti rendi conto che stai vivendo nell’universo sbagliato.
E in questo, il mio destino non può incrociarsi con il tuo.

A meno che tu non accettassi il mio destino come un fardello.

Perché della vita che ho vissuto poco mi curo; quando questo mondo sia ridotto in rovina, venga pure quell’altro.
E’ da questa terra che sgorgano i miei piaceri, è questo sole che splende sui miei dolori. Una volta ch’io sia separato da loro, avvenga quel che deve.

Eppure, se mai avessi potuto stringere un patto scellerato, l’avrei siglato col mio sangue per stare un attimo insieme a te.
E quando, guardandoti, avessi pronunciato a quell’attimo: “Fermati dunque, sei così bello!“, tutto sarebbe finito.

Chissà.
Ogni attimo, ogni possibilità è un accadimento che capita da qualche parte, nell’universo.
Ti prego, vieni dalla mia parte…

La nostra casa

Non è rimasto niente
del posto…
solo una planimetria
incisa nei nostri cuori.
L’estate ha un modo tutto suo
di far finire il mondo.
Dicono che la casa sia bruciata
una mattina d’agosto
trenta minuti di scintille
nella gloria di Dio
fuori sul prato.
I vicini non lo hanno
neanche notato
e i pompieri
dormivano tutti, quel giorno.

Siamo tornati in autunno
e perlustrato il cortile,
cercando di ricordare
dove era il soggiorno
e di che colore
avevamo dipinto la cucina…
ricordi sopiti nelle ceneri
come soffici orme di gatto
dove lievi i nostri passi
hanno rivelato cosa
fingevamo di non sapere.
Quella fine è stata
una perdita tremenda.
E i nostri ricordi rimangono
freddi e immobili nell’oscurità…

Abrielle

Quella pazza, folle e scatenata.
Quella seria, dolce e sempre attenta.
Due personalità, una persona ed una gran confusione…

Abrielle:
sempre con la sigaretta in bocca.
sempre con il sorriso sul viso, anche quando dovrebbe piangere.
sempre con la macchina fotografica appresso.
sempre con un foglio ed una penna in mano.
sempre con la sua generosità che manderebbe nel cesso.
sempre con la sua freddezza, e il suo muro protettivo.
sempre con gli occhi aperti e i piedi per terra.
sempre con qualcosa da dire.
sempre con quella sua matta voglia di volare che si porta dietro da sempre.
sempre con quel desiderio di urlare, ridere, ballare e sballare in ogni momento.

Abrielle, che farebbe di tutto per smettere di pensare per un secondo, o forse anche per l’eternità.
Abrielle, otto lettere dell’alfabeto che nascondono tanto, troppo.
Tante esperienze in pochi anni,
tante lacrime in un passato che sembra non avere mai fine
e tanti sorrisi nel presente, che spera rimarrà futuro.

Abrielle:
sempre senza mai, tutta se stessa.

I sogni passati

Quando il tempo passa scorrono via tutti i sogni e rimane solo la vita…
Il sogno dei miei diciotto anni è svanito.
Non si tratta soltanto dei diciotto anni del corpo fisico… ma di qualcosa d’altro.
Sono gli anni dell’avvenire, e le promesse della vita, e i sogni assurdi e irrealizzabili di quegli anni, e l’amore che ti accompagna alla primavera dell’esistenza.
A volte penso che mi piacerebbe tornare indietro.
Ma poi alla fine ci ripenso… perché in fondo la mia vita ha seguito le mie scelte.
Sono loro che nel bene o nel male le danno un significato.
E danno un significato anche a quello che sono io adesso, alle mie parole, ai miei pensieri.
Anche a queste poche righe, che ti sto scrivendo.
Perché sto sperimentando una cosa che mi lascia perplesso.
Mi manchi…

Un altro addio

Potresti arrivare mai a capirlo davvero?
l’odio si esaurisce dopo poche ore …
divora tua sensibilità.
E mentre guardo dall’alto la confusione intricata che è la mia stanza
penso a ciascuno di voi.
L’argento incontra l’acciaio nell’abbraccio contorto che è la vita.
Nauseante.
Gocce di assenzio dai miei occhi spenti.
Il lavello trabocca di spuma liquida.
L’assenzio gocciola dalle mie labbra.
Un quadro stampato nei miei occhi.
Le mie tonalità, la tela.
La mia retina, la vernice.
Le mie ciglia, il pennello.
Le mie palpebre, il cavalletto.
Ogni volta che sbatto le palpebre una nuova foto si presenta al mondo.
C’è un universo in tutte.
O è semplicemente il tuo riflesso?
Sì … c’è una risposta alla vita.
ma non fissarla troppo a lungo.
È così facile perdersi dentro di te.
L’oro del mio braccialetto cattura la luce, un tremolante riflesso
… e penso a te.
Come ti ho ferito, come ti ho amato o semplicemente come non ho fatto nulla
né mi è stata data un’altra possibilità.
Gli amori andati.
Gli amici passati.
…e penso a te.
Anche uno sconosciuto, lo sa, che penso a te.
Potresti trovare le risposte alla vita negli squarci sulle tue pareti?
Penso a come lo imparerai.
Penso a come morirai, a come vivrai.
Penso a come amerai o non amerai più.
Quale strada scegli non m’importa ormai.
Ci incontreremo dall’altra parte.
Sprofondo nell’abisso ma una una luce afferra i miei sensi
perché conosco la realtà del mio futuro
eppure non so cosa fare
e prego di avere quelle risposte che già conosco.
Perché io stesso ho già scritto la domanda e la risposta.

Vedo le colombe nei tuoi occhi, che si alzano, e volano.
Ogni singola piuma riflette il risultato del passato sul tuo presente.
Vedo il cervello nella tua testa, cadere, cadere…
Le tue mani vagare irrequiete.
La tua mente meravigliata e rapita
da questo stato temporaneo
che è la vita…

L’amore ai tempi del virus

Si muove lentamente
diventa caldo e denso
e corre sotto la pelle
ferendo il tuo corpo
come morbido cuoio
e sotto le mie dita
la tua bocca mi spinge
dentro quel sentiero.

Posso assaggiare i sogni di mezza estate
dalle tue labbra
sul tuo seno gonfio di passioni
lune piene falcate
risplendono in barattoli di rame
e l’essenza ricca e matura dell’atropina
pervade le tue gambe.

E sotto i fianchi,
i viticci intrappolano le mie dita
costringendoli nelle scure fessure
dove il tuo fiore sboccia
caldo ed esotico
dentro di me…

Melograni

I suoi baci
non sono come il vino
Sono più complicati
e melliflui
di quello che macchia
le labbra di un poeta
e lascia i suoi sensi
offuscati.
Non sono come il miele,
quel dolce morboso
flusso impregnato
di luce densa e ambrata
che si aggroviglia
intorno alla sua lingua
Invece, sono come
melograni
abbondantemente rossi
e densi di succo,
la loro carne pulsa
sulle mie labbra
e quell’oscurità
un delizioso ricordo
dell’ultimo desiderio di Eva.