Ciao Abry

in questo strano tempo ho pensato a te, tutto qui.
Come va?

Io come al solito, ho molte cose in cui affannarmi senza posa, molte impicci gelatinosi che riempiono le mie giornate da guaritore.

Vivo ormai di rado… le cose che penso non riesco più a scriverle forse per mancanza di tempo o per pudore letterario.
La sola cosa che ogni tanto visito è il tuo profilo su FB, cartoline dal limine mundi quotidiano.

Ad un certo punto mi sembravi risplendere come l’aurora del cielo di Milano. Come stai?

Te L’ho già chiesto lo so, ma tu eviti le domande e le sedute di autocoscienza. Spero tu mi scriva qualcosa, per la prossima estate ho deciso di provare a sopravvivere e a vestire giacche di lino. A presto.

ma tu ridi e ti versi un cucchiaio di mimosa nell’imbuto di un polsino slacciato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...